#ilfuturoèditutti

#Recovery #Green #Metal

by Angela Serpe | Monserrato (CA) | ALL OR NOTHING
#RECOVERY#GREEN#METAL: Trasforma i rifiuti elettronici in risorsa! #rifiutipreziosi
Tutela dell'Ambiente
Social progetto:

90.135 €

Raccolti di € 90.000

62

Donatori

CONCLUSA

18/02/2016
Share:
  • Home Progetto
  • Update14
  • Donatori51
  • Ultimo Aggiornamento: UN ANNO DI #RECOVERY #GREEN #METAL!!!

    Data di riferimento 15/04/2017

    Monserrato, 10 aprile 2017

    Il progetto #Recovery #Green #Metal compie un anno e lo festeggia nel migliore dei modi con l'inaugurazione dell'impianto pilota per il recupero sostenibile dei metalli preziosi.

    In quest'anno, grazie al progetto, sono nate nuove collaborazioni tra i co-founder e si sono poste inoltre le basi per continuare la sperimentazione tra l'università di Cagliari e le imprese sparse sul territorio.

    Noi ci abbiamo creduto ma è grazie al sostegno di piccoli e grandi donatori che siamo arrivati al risultato finale quindi grazie a tutti coloro che hanno contribuito e che quindi fanno parte del progetto.

    Un caloroso augurio di Buona Pasqua

    Il team #R #G #M

     

     

     

     


     #Recovery #Green #Metal: Recupero metalli nobili da rifiuti elettronici

    Un progetto del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari


    Rifiuti da Apparecchiature Elettriche ed Elettroniche (RAEE): un problema da gestire o una risorsa da valorizzare?

    Uno dei principali aspetti legati alla sviluppo della società consumistica moderna è l’avanzamento rapidissimo della tecnologia che è accompagnato da una inevitabile produzione di elevate e crescenti quantità di rifiuti. I beni, in particolare quelli Hi-Tech, hanno assunto un ruolo essenziale nella nostra vita quotidiana e il loro ciclo di vita è sempre più breve rendendoli obsoleti spesso in una manciata di mesi. Per la produzione delle apparecchiature elettroniche vengono utilizzate rilevanti quantità di materiali di pregio che sono destinati a diventare spazzatura, generando quindi un pesante problema ambientale, se non valorizzati attraverso il riuso o il riciclo. Le apparecchiature elettroniche obsolete rappresentano una cosiddetta “miniera urbana” (in analogia alle miniere tradizionali), cioè una delle principali sorgenti di  “materie prime seconde” di valore. Per questo motivo il recupero dei materiali da apparecchiature elettroniche dismesse rappresenta un settore con grandi prospettive, capace di combinare potenziali benefici economici con la salvaguardia delle sempre più esigue risorse naturali di materie prime.

    La famiglia dei RAEE racchiude tutti i dispositivi che, per il loro funzionamento, dipendono da correnti elettriche o da campi elettromagnetici, come ad esempio: personal computer, telefonini, smartphone, televisori, stampanti, frigoriferi, lavatrici, ecc..

    Questa tipologia di rifiuti contiene un vasto insieme di differenti materiali che stimolano l’interesse sulla profittabilità del riciclo ma che, al contempo, rendono complessi i processi di recupero. In particolare possono contenere plastica, vetro, rame, alluminio ma anche materie nobili, soprattutto metalli (oro, argento, palladio, ecc.) e “terre rare”, talvolta affianco a sostanze tossiche, estremamente pericolose per l'ambiente e per la salute quali, ad esempio, mercurio, cadmio, piombo. 

    Le normative europee sui rifiuti elettronici, negli ultimi anni, hanno permesso di avviare un ciclo virtuoso di raccolta differenziata diretto ad evitarne lo smaltimento incontrollato e nel contempo mirano al perseguimento dei seguenti obiettivi: raccolta dei RAEE differenziati per ogni stato membro, innalzamento degli obiettivi di recupero e riciclaggio attraverso processi eco-compatibili, ampliamento del campo di applicazione, obbligo del ritiro dei prodotti a fine vita da parte dei negozi specializzati passando dall’attuale formula “uno contro uno” (un rifiuto ritirato a fronte di un nuovo prodotto acquistato) a quella, ancora più stringente, "uno contro zero" (ritiro del RAEE anche in assenza di nuovo acquisto). Per permettere a tutti di comprendere la grandezza del fenomeno RAEE, basti pensare che in tutto il territorio europeo i quantitativi stimati di RAEE prodotti nel 2017 ammonteranno a circa 12,5 milioni di tonnellate. Per quanto riguarda l'Italia, nel 2014 i rifiuti elettrici ed elettronici prodotti hanno raggiunto 17,6 kg per abitante per un ammontare pari a circa 1,2 milioni di tonnellate. 

    Sulla base delle evidenti e crescenti potenzialità del comparto RAEE è stata sviluppata la nostra idea innovativa.

    SVILUPPO IDEA 

    L’idea si focalizza sul recupero dei metalli, in particolare dei metalli preziosi (rame, argeno, oro, palladio), contenuti nelle piccole apparecchiature elettroniche attraverso processi ad impatto zero

    Per superare i pesanti limiti di carattere ambientale dei più diffusi processi di recupero  -trattamenti termici spinti e/o processi chimici basati sull’uso di reagenti pericolosi - il nostro gruppo di ricerca dell’Università di Cagliari coordinato dalla Prof.ssa Paola Deplano ha messo in campo le proprie competenze nella chimica di coordinazione per proporre metodi innovativi e sostenibili per il recupero di metalli ad elevato valore economico (metalli nobili) da schede ed altri rifiuti elettronici (in particolare quelli classificati dalla normativa in vigore come R4). L’obiettivo era molto ambizioso in quanto recuperare selettivamente i metalli nobili (resistenti all’ossidazione) presenti in piccolissima percentuale in un complesso mix di metalli in maniera eco-sostenibile, è impresa assai ardua. Nonostante questo, i nostri sforzi ci hanno permesso dapprima di mettere a punto un metodo efficiente e selettivo, basato sull’uso di reagenti di sintesi eco-sostenibili oggetto di brevetto europeo e, successivamente in collaborazione con lo Spin-Off Universitario 3R Metals Srl,, di arrivare ad una versione capace di massimizzare gli aspetti di sostenibilità economica ed ambientale del processo, basata sull’uso di reagenti sicuri, commerciali e riciclabili in condizioni operative blande.

    Descrizione del processo

    Il processo (vedi immagine), applicato su RAEE preventivamente triturati e privati dei materiali plastico-vetrosi e dei metalli ferrosi, consta di tre stadi principali che riguardano in sequenza la dissoluzione dei metalli di base, la dissoluzione e recupero di rame e argento e la dissoluzione e recupero dell’oro.

    Il metodo si basa sull’uso di liscivianti eco-sostenibili selettivi per i diversi metalli di interesse. I metodi attualmente in uso prevedono invece l’uso di reagenti che sciolgono gran parte dei metalli presenti in modo non selettivo ed il successivo recupero dei singoli metalli mediante riduzione chimica od elettrochimica. Questi metodi, che traggono spunto dai metodi di recupero dei metalli nobili da altri tipi di materiali (ad es. le ceneri di oreficeria, materiale minerario,…), oltre ad utilizzare sostanze pericolose e spesso essere accompagnati dallo sviluppo di gas tossici (vedi ossidi di azoto) sono difficilmente applicabili a sistemi eterogenei come i RAEE e ne limitano molto la diffusione. 

    L'obiettivo primario del nostro processo è quello di garantire al contempo efficienza e selettività di recupero con sostenibilità ambientale, così come richiesto dalle normative.

    Circa il progetto e gli obiettivi da perseguire

    Stiamo partendo da un metodo già esistente e validato su scala di laboratorio su diverse tipologie di rifiuti, sviluppato in anni di sperimentazione dal nostro gruppo di ricerca presso i laboratori del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche dell’Università di Cagliari in stretta collaborazione, per gli aspetti applicativi e di trasferimento tecnologico, con la 3R Metals Srl. I risultati, in parte brevettati da Sardegna Ricerche e successivamente pubblicati sulla rivista Green Chemistry (rivista di prestigio internazionale nell’ambito della Chimica Sostenibile), hanno riscosso un enorme interesse da parte della comunità scientifica e delle aziende del settore. 

    Su una scala cosi limitata, non è tuttavia possibile avere tutte le informazioni, quali  scalabilità, efficienza, consumi energetici, sostenibilità elementale, costi d’impianto e di gestione, ecc., necessarie per soddisfare le richieste di informazioni da parte dei partners industriali e favorire il trasferimento tecnologico del processo. Per questo motivo è necessario intraprendere una strada che ci permetta di valutare l’efficienza del processo e l'incidenza dei costi in maniera che si possa stabilire la fattibilità tecnica ed economica del metodo su scala industriale. 

    In conseguenza di ciò siamo pronti al passo successivo, la realizzazione di un piccolo impianto da banco (impianto pilota) che, per mezzo anche di un opportuno lavoro di ricerca e sviluppo, possa dimostrare a noi stessi ed al mercato l'efficacia e l'efficienza del processo su scala semi-industriale.

    Le vostre donazioni contribuiranno a finanziare questa prima fase.

    Perché realizzare l’impianto pilota

    L’obbiettivo nella realizzazione dell'impianto da banco è quello di poter implementare dei protocolli specifici, su diverse tipologie di materiale in ingresso, in modo da conoscere quali sono i limiti utili estremi, sia tecnici che economici, che il nuovo processo presenta.

    In questo modo si andranno ad identificare dei range, a cui saranno associati i relativi protocolli specifici implementati, che permetteranno di avere tutti i parametri necessari per trattare le diverse tipologie di materiale in ingresso. 

    Tutto questo consentirà, su scala industriale, di lavorare materiali in ingresso con caratteristiche differenti definite nei vari protocolli.

    Come realizzare l’impianto pilota

    L’idea è di realizzare un piccolo impianto da banco in grado di trattare da 5 a 10 kg di materiale alla volta (processo in batch). 

    L'impianto è composto essenzialmente da un reattore principale realizzato in vetro dal volume interno di circa 20 L ed occupare una superficie inferiore ad 1m2 (volume <1m3). Una struttura di supporto in tubolare Ø 33 AISI 304,con giunti mobili, atta al sostegno dell'unità. L'impianto è  dotato di tutti gli ausili necessari per effettuare un graduale e controllato riscaldamento, condensazione dei fumi, agitazione e scarico della soluzione. Sono presenti inoltre altri reattori provvisti semplicemente di agitazione e dispositivi filtranti.

    Attrezzature (reattori, pompe, ecc.),  con i relativi costi,  necessarie per la realizzazione dell’impianto pilota 

    Il costo dell'impianto da banco ammonta a circa euro 40.000, pari 45% del totale del progetto. 

    Gli ulteriori costi da sostenere riflettono il Piano di azione per lo sviluppo dell’impianto, pari ad euro 50.000, in particolare trattasi di:

    •  N. 1 ricercatore a contratto.
    • Materiale per le prove ed utilizzo strumentazioni avanzate.
    • Prove sui campioni: caratterizzazione e test del metodo per come validato su scala pilota su un numero limitato di tipologie di campioni (3), ottimizzazione tempo e condizioni di estrazione su numero necessario di campioni fino a risultati soddisfacenti a progettazione impianto.
    • Durata 10-12 mesi.

    Per cui il finanziamento complessivo richiesto è di 90.000 euro comprensivo dei costi per l'impianto, per il personale addetto e materiale di consumo.

    Fasi successive del progetto che saranno messe in opera al superamento del goal di 90.000 euro, secondo il seguente schema:

    - Al raggiungimento di 100.000 euro, sarà possibile estendere lo studio almeno ad una ulteriore tipologia di materiale in ingresso.

    - Al raggiungimento di 150.000 euro, l’impianto potrà essere implementato nel corso della sperimentazione e sarà possibile disporre di informazioni più complete e dettagliate su tutti gli stadi del processo. La durata annuale della sperimentazione sarebbe comunque rispettata con l’ausilio di personale a contratto supplementare. 

     

     

  • UN ANNO DI #RECOVERY #GREEN #METAL!!!

    Data di riferimento 15/04/2017

    Monserrato, 10 aprile 2017

    Il progetto #Recovery #Green #Metal compie un anno e lo festeggia nel migliore dei modi con l'inaugurazione dell'impianto pilota per il recupero sostenibile dei metalli preziosi.

    In quest'anno, grazie al progetto, sono nate nuove collaborazioni tra i co-founder e si sono poste inoltre le basi per continuare la sperimentazione tra l'università di Cagliari e le imprese sparse sul territorio.

    Noi ci abbiamo creduto ma è grazie al sostegno di piccoli e grandi donatori che siamo arrivati al risultato finale quindi grazie a tutti coloro che hanno contribuito e che quindi fanno parte del progetto.

    Un caloroso augurio di Buona Pasqua

    Il team #R #G #M

     

     

     

     

    AUGURI DI BUONE FESTE!!!

    Data di riferimento 15/12/2016

    Aggiornamento attività febbraio-dicembre 2016

    Possiamo ritenerci soddisfatti di questo 2016, iniziato il 18 febbraio nel migliore
    dei modi con la conclusione della campagna di crowdfunding che ha visto il progetto

    #Recovery #Green #Metal raggiungere e superare il goal dei 90.000€.

     

    Nei mesi successivi il progetto è stato portato avanti attraverso importanti step
    che riassumiamo di seguito:

    - MARZO 2016: siglato il documento programmatico del progetto con le aziende partner

    - APRILE 2016: Il dott. Americo Rigoldi è stato messo a contratto come ricercatore per lavorare

    direttamente sull’impianto e sui campioni da trattare e, a seguito delle valutazioni sui requisiti di

    sicurezza, è stato individuato il laboratorio idoneo ad ospitare l’impianto pilota, sito presso il

    Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche. Le attività per il suo adeguamento sono quasi

    concluse.

    - MAGGIO 2016: E’ stata avviata la gara per la fornitura dell’impianto che si è conclusa con la

    selezione della ditta Soffieria Sestese S.r.l. di Seregno-MB

    - GIUGNO 2016: Formalizzata la collaborazione scientifica con il Prof. Emanuele F. Trogu sui temi del

    progetto

    - LUGLIO/AGOSTO 2016: Fornitura a cura di alcuni co-founder del progetto (Gold Fixing, OMCD,

    RiTech) di campioni macinati di alcune tipologie di materiali, da valutare per l’alimentazione

    dell’impianto

    - SETTEMBRE 2016: Valutazione della qualità dei campioni semilavorati forniti, in particolare ci siamo

    concentrati sui triturati di RAM e di CPU di cui è stata determinata la composizione chimica in metalli

    preziosi e strategici. Si voleva valutare come i parametri di macinazione influenzano la

    granulometria e la separazione metalli-plastiche, solo i macinati più ricchi in metalli preziosi e ben

    separati saranno utilizzati per alimentare l’impianto.

    L’attività sperimentale si è concentrata anche sulla verifica, su piccola scala e su campioni modello, di:

    a) reazioni secondarie che portino alla formazione di eventuali sottoprodotti indesiderati

    b) quantità e qualità di gas prodotto dalla prima fase di lisciviazione, per valorizzare/gestire in

    sicurezza l’eventuale idrogeno prodotto dalla reazione.

    - OTTOBRE 2016: *****CONSEGNA E MESSA IN OPERA DELL'IMPIANTO PILOTA***** (foto allegata)

    - NOVEMBRE 2016: sono state avviate delle prove di lisciviazione su piccola scala sulle due tipologie di

    campioni forniti, RAM e CPU esclusivamente triturate, per verificare l'applicabilità del metodo alla

    tipologia di semilavorato fornito (presenza di materiale di supporto non metallico, presenza dei

    metalli, granulometria...) e confrontarne i risultati con quelli precedentemente ottenuti sui materiali

    fino ad ora utilizzati come riferimento. Le prove sono ancora in corso ma la prima fase di lisciviazione

    dei metalli di base sembra essere decorsa con successo.

    IL TEAM #R#G#M AUGURA A TUTTI I SOSTENITORI
    DEL PROGETTO (MA NON SOLO...) DI TRASCORRERE
    NEL MIGLIORE DEI MODI LE IMMINENTI VACANZE E
    VI DA APPUNTAMENTO AL PROSSIMO
    AGGIORNAMENTO!!!

    BUONE FESTE!

    Il Team #R#G#M


    It's time to change!

    Traguardo in vista!

    Data di riferimento 18/02/2016

    A pochi passi dal traguardo, il team RGM vuole ringraziare tutti i grandi e piccoli sostenitori che ci hanno accompagnato lungo questo percorso ed in particolare ciascuno dei nostri prestigiosi co-founders:

     

    TIM, Goldfixing, Valori e Preziosi, Oro Market, Ri.Tech, OMCD, Ecocopper e CO.RE.M.

     

    It's time to change!

    #R#G#M su R24

    Data di riferimento 13/02/2016

    Ascoltateci su:

    Smart City (04/02/2016) http://audio.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2016/160204-smart-city.mp3

    e

    Si può fare (09/01/2016, min 1:32- 1:44) http://audio.radio24.ilsole24ore.com/radio24_audio/2016/160109-paese-migliore.mp3

     

    A un passo dal goal

    Data di riferimento 13/02/2016

    Con il sostegno di un nuovo importante co-founder, Ecocopper, abbiamo raggiunto l'80% della quota necessaria all'avvio della nostra sperimentazione pilota!

    Manca ancora un giorno alla chiusura della campagna e siamo fiduciosi di raggiungere l'obiettivo!

    Benvenuti!

    Data di riferimento 13/02/2016

    Un caloroso benvenuto al nuovo co-founder OMCD SpA.

    La squadra di #Recovery #Green #Metal si arricchisce così di un nuovo prestigioso partner.

    Ancora pochi giorni

    Data di riferimento 12/02/2016

    Ringraziamo calorosamente tutti i sostenitori del progetto ed invitiamo tutti a tenere ancora alta l'attenzione affinché si raggiunga l'obiettivo.

    Si fa presente che i contributi raccolti tramite gli RGM box esposti nelle varie sedi dell'Università di Cagliari ed attività commerciali limitrofe (Bar della Cittadella Universitaria di Monserrato e Bar La mia caffetteria, Via Giudice Chiano, Cagliari) dell'ammontare complessivo di 77,00 euro, sono stati versati come donazione sulla piattaforma withyouwedo in data 12/02/2016 a nome Angela Serpe.

     

     

    ABBIAMO SUPERATO I 50.000 EURO!

    Data di riferimento 04/02/2016


    Quarto obiettivo raggiunto e superato!

    I co-founder sono arrivati a 5: TIM, Goldfixing, Valori e Preziosi, Oro Market e Ri.Tech

    Sosteneteci ancora, mancano pochi giorni.

    Il TEAM RGM ringrazia ancora tutti coloro che hanno contribuito e sostenuto il progetto.

    It's time to change!

    P.S.: Al seguente link potete ascoltare la recente intervista per Radio 105  

    http://www.105.net/audio/105-smart-up/195603/Pillola-del-27-01-2016-ore.html

     

     

    Sosteneteci ancora!

    Data di riferimento 09/01/2016

    Carissimi sostenitori, il nuovo anno è iniziato e la vetta si avvicina.

    Vogliamo ringraziarvi per le innumerevoli manifestazioni d'interesse che ci sono pervenute e per il sostegno economico che avete voluto offrirci!

    Chiediamo a tutti un ultimo grande sforzo per affrontare con successo la salita finale della nostra sfida.

    Cogliamo l'occasione per ringraziare gli organizzatori degli eventi divulgativi che hanno voluto dare visibilità al nostro progetto: SardegnaCompraVerde, Cagliari FestivalScienza, V Festival di Scirarindi, Il Vento del Natale, per la loro disponibilità e per l'entusiasmo con cui hanno accolto la partecipazione del Team #Recovery #Green #Metal.

    Si fa presente che i contributi raccolti nel corso dell'evento "Il Vento del Natale" del 20 dicembre 2015, dell'ammontare complessivo di 40,00 euro, sono stati versati come donazione sulla piattaforma withyouwedo in data 09/01/16 a nome Angela Serpe.

    ABBIAMO SUPERATO I 40.000 EURO!

    Data di riferimento 09/01/2016

    Terzo obiettivo raggiunto e superato!

    Tanti piccoli contributi e quattro importanti co-founder: TIM, Goldfixing, Valori e Preziosi e Oro Market.

    Sosteneteci ancora!

    Perché sostenere #Recovery #Green #Metal?

    • Per partecipare al cambiamento anche con pochi euro: ogni contributo è fondamentale!
    • Per mostrare la sensibilità della tua azienda verso il rispetto dell’ambiente.
    • Perché sai che l’unico motore per lo sviluppo di un paese è l’innovazione.
    • Per essere coinvolto nella sperimentazione come co-founder interessato alla tecnologia (sono disponibili solo altri 4 posti, affrettati!)

    It's time to change!

    SardegnaCompraVerde e Festival di Scirarindi

    Data di riferimento 03/12/2015

    Recentemente il progetto #Recovery #Green #Metal è stato presentato a due eventi regionali di incontro cittadinanza/imprese sui temi della sostenibilità ambientale, salute e benessere.

    In particolare:

    Giovedì 26 novembre, Forum SardegnaCompraVerde, iniziativa promossa dalla Regione Sardegna, Assessorato della Difesa dell’Ambiente, e dalle Province sarde, con la Provincia di Cagliari come capofila. 

    http://www.regione.sardegna.it/index.php?xsl=510&s=293242&v=2&c=9845&t=1&tb=9839&st=15

    Sabato 28 e Domenica 29 novembre, 5° festival di Scirarindi http://www.scirarindi.org/scirarindi/?q=node/10679

    Ringraziamo tutte le persone che sono intervenute ed hanno voluto sostenere il progetto.

    I contributi raccolti, dell'ammontare complessivo di 166,00 (50,00 euro da Forum SardegnaCompraVerde; 116,00 euro da 5° festival di Scirarindi), sono stati versati come donazione sulla piattaforma withyouwedo in data 03/12/15 a nome Angela Serpe.

    #Recovery #Green #Metal a Cagliari FestivalScienza

    Data di riferimento 16/11/2015

    Venerdì 13 novembre, nello stimolante e festoso contesto di Cagliari FestivalScienza, abbiamo presentato il progetto all'interno di una tavola rotonda dal titolo: "#Recovery #Green #Metal: dai rifiuti Hi-Tech le risorse per un futuro sostenibile".

    La tavola rotonda, moderata da Andrea Mameli giornalista scientifico e responsabile comunicazione del CRS4, ha visto la partecipazione del Prof. Gianluigi Pillola, referente del Dipartimento di Scienze Chimiche e Geologiche e Presidente del Consorzio del Parco Geominerario Storico Ambientale della Sardegna, della  dott.ssa Orsola Macis, responsabile del Liaison Office di UniCA, nonché della dott.ssa Angela Serpe e della prof.ssa Paola Deplano come esponenti di riferimento del progetto.

    La tavola rotonda è stata seguita dall'animazione musicale della BDA Vasco Tribute Band.

    Ringraziamo tutte le persone che sono intervenute ed hanno voluto sostenere il progetto.

    I contributi raccolti, dell'ammontare complessivo di 52 euro, sono stati versati come donazione sulla piattaforma withyouwedo in data 16/11/2015 a nome Angela Serpe.

    Secondo traguardo superato: 30.000!!!

    Data di riferimento 14/11/2015

    Grazie ai nostri generosissimi sostenitori, abbiamo superato i 30.000 euro!

    Tanti piccoli contributi e tre importanti co-founder: TIM, Goldfixing e Valori e Preziosi!

    Sosteneteci ancora!

    Perché sostenere #Recovery #Green #Metal?

    • Per partecipare al cambiamento anche con pochi euro: ogni contributo è fondamentale!
    • Per mostrare la sensibilità della tua azienda verso il rispetto dell’ambiente.
    • Perché sai che l’unico motore per lo sviluppo di un paese è l’innovazione.
    • Per essere coinvolto nella sperimentazione come co-founder interessato alla tecnologia (sono disponibili solo altri 4 posti, affrettati!)

    It's time to change!

    ABBIAMO SUPERATO I 20.000 EURO!

    Data di riferimento 22/10/2015

    Grazie al vostro sostegno abbiamo raggiunto e superato il primo grande obiettivo: 20.000 euro di piccoli e grandi contributi che ci avvicinano al nostro ambizioso goal e tre importanti co-founder, TIM eGoldfixing, al nostro fianco.

    Continuate a sostenerci: la vetta è ancora lontana!

    Il nostro prossimo obiettivo è raggiungere i 30.000 euro.

    Aiutateci diffondendo le informazioni e coivolgendo direttamente parenti, amici, colleghi a partecipare al cambiamento. It's time to change!

     

  • Donazione effettuata il 17/02/2016
    Donazione effettuata il 13/02/2016
    Donazione effettuata il 12/02/2016
    Donazione effettuata il 07/02/2016
    Donazione effettuata il 04/02/2016
    Donazione effettuata il 03/02/2016
    Donazione effettuata il 01/02/2016
    Donazione effettuata il 09/01/2016
    Donazione effettuata il 09/01/2016
    Donazione effettuata il 09/01/2016
    Donazione effettuata il 09/01/2016
    Donazione effettuata il 10/12/2015
    Donazione effettuata il 03/12/2015
    Donazione effettuata il 29/11/2015
    Donazione effettuata il 20/11/2015
    Donazione effettuata il 19/11/2015
    Donazione effettuata il 18/11/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 16/11/2015
    Donazione effettuata il 16/11/2015
    Donazione effettuata il 16/11/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 15/11/2015
    Donazione effettuata il 15/11/2015
    Donazione effettuata il 14/11/2015
    Donazione effettuata il 13/11/2015
    Donazione effettuata il 13/11/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 13/11/2015
    Donazione effettuata il 12/10/2015
    Donazione effettuata il 05/10/2015
    Donazione effettuata il 05/10/2015
    Donazione effettuata il 04/10/2015
    Donazione effettuata il 03/10/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 26/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 26/09/2015
    Donazione effettuata il 26/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 25/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 25/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 25/09/2015
    Donazione effettuata il 24/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 24/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 23/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 23/09/2015
    Anonimo
    Donazione effettuata il 23/09/2015
2 € o di piú
8 Sostenitori
Il tuo riciclo è riciclo per tutti!
Per tutti i sostenitori RGM Green Box (vedi immagine nella Galleria Fotografica)
La Green Box: facile, pratica, utile!
La Green Box è una comoda scatola in cartone che ti aiuterà a svuotare i cassetti e smaltire correttamente la piccola tecnologia presente in casa e non più utilizzata.

Utilizza la Green Box per il riciclo di tablet, telefonini, smartphone, schede elettroniche e altro materiale hi-tech di piccole dimensioni.
La scatola viaggerà con spedizione gratuita per te e, una volta arrivata, il materiale verrà analizzato e trattato nell'impianto pilota mediante il processo #Recovery #Green #Metal.
Verranno inoltre inviati, a tutti i sostenitori, report e foto che illustreranno i progressi del progetto #Recovery #Green #Metal.
Il tuo contributo è importante!
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
10 € o di piú
5 Sostenitori
Riceverai una Mini penna a sfera touch con portachiavi in plastica con il logo RGM, che potrai utilizzarla anche per scrivere sul tuo smartphone.
Vedi immagine nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
20 € o di piú
2 Sostenitori
Riceverai un magnete dal diametro di 6 cm con il logo RGM, che potrai utilizzare per decorare frigoriferi, forni, ecc..
Vedi immagine nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
30 € o di piú
1 Sostenitori
Riceverai Portapenne da scrivania a forma di bidone con il logo RGM, che potrai utilizzare in casa o nel tuo ufficio.
Vedi immagine nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
50 € o di piú
1 Sostenitori
Potrai indossare una pratica T-shirt per ricordare a tutti che “E’ tempo di cambiare!”
Ricicliamo!
Vedi immagine nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
100 € o di piú
5 Sostenitori
Riceverai 3 pratiche buste per la raccolta differenziata domestica!
Vedi immagine nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
300 € o di piú
0 Sostenitori
Avrai diritto a tutti i premi! la penna, il magnete, il portapenne, la T-Shirt e le pratiche buste per la raccolta differenziata.
Vedi immagini nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
1.000 € o di piú
0 Sostenitori
Avrai diritto a tutti i premi e in aggiunta ti verrà chiesta una foto divertente che inseriremo sui nostri portali dove comparirai come promotore del progetto RGM.
Vedi immagini nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward
10.000 € o di piú
N. Max di Reward 0 di 7 restanti
7 Sostenitori
Avrai diritto a tutti i premi e in aggiunta entrerai di diritto nella schiera dei Co-Founder che parteciperanno attivamente al progetto, ricevendo report mensili sui progressi ed usufruendo di visite periodiche concordate presso la struttura dove verrà sviluppata la ricerca.
Vedi immagini nella Galleria Fotografica.
Invio Stimato: 01/12/2015
Seleziona questo Reward


Questo sito utilizza dei cookies per garantire la migliore esperienza di navigazione possibile.
Continuando a navigare su questo sito, dichiari di accettare questi cookies. Altre informazioni sulla nostra privacy policy.
OK